running, belinate e tanti problemi

ReportCategory Archives

Lemmy goes (per l’ultima volta … giuro) to Alassio

La vedete  questa foto? E’ la mia caviglia sinistra circondata da due sacchetti con su scritto “Quick Ice” al termine della Mezza maratona della Baia del Sole ed. TRE, e il fatto che la suddetta non abbia e sottolineo NON abbia subito né traumi, né distorsioni, né qualsiasi altro vattalapesca che potesse in qualunque altra maniera giustificare il dolore lancinante procurato per almeno sette chilometri mi fa pensare.

Foto-0029

Ma andiamo con ordine.

Continua a leggere »

Lemmy goes to Genova

Avete presente?

State con una donna da un po’ di tempo, non vi ci trovate male in fin dei conti, anzi , ci siete pure affezionati, però nelle ultime settimane vi ronza in testa una vocina che dice di allontanarsi un po’ da lei , non definitivamente, no certo, niente di definitivo, solo per un po’, per capire , per ritrovare voi stessi , la classica pausa di riflessione, per cambiare un po’ aria insomma.

Però manca l’occasione e rimanda che ti rimanda, arriva la fatidica sera in cui prendete il coraggio a quattro mani e decidete di dirglielo, le date quello che per voi dovrebbe essere l’ultimo appuntamento e lei si presenta in abito da sera e tacchi a spillo … ed è bellissima.

Continua a leggere »

Quare id faciam, nescio… sed fieri sentio…

“Proprio nello sforzo enorme e coraggioso di vincere la fatica riusciamo a provare, almeno per un istante, la sensazione autentica di vivere. Raggiungiamo la consapevolezza che la qualita’ del vivere non si trova in valori misurabili in voti, numeri e gradi, ma e’ insita nell’azione stessa, vi scorre dentro.” (Haruki Murakami)

Spesso per cercare la risposta ai porque’ che mi affliggono mi rivolgo ai libri. Per quanto concerne poi i porque’ suscitati dalla corsa, ogni tanto (idealmente mentre sto espletando il picasso propiziatorio prima di un lungo mattutino o prima di una gara) leggo con attenzione “L’arte di correre” di Murakami. Valida alternativa, o meglio, a completamento di questo libro, giova altresi’ “Lo Zen e l’arte della corsa” di Larry Shapiro (un nome, Larry, un programma…). Domenica mattina e’ toccato a Murakami onorare il mio picasso propiziatorio. E la frase scelta come incipit del mio breve Report mi ha ridato una voglia che quella mattina del 19 Aprile 2015 non avevo di certo… Reduce (assieme a DJ) da una trasferta lavorativa molto faticosa negli USA, in debito di sonno, male allenato, angustiato da dolori e contratturine varie… non bastava purtroppo la (altrettanto propiziatoria) mungitura (da farsi rigorosamente coricati, secondo il “Disciplinare Calboni”) che il Ministro della Tensione ci aveva suggerito di implementare la sera precedente… di solito basta e avanza, ma stavolta il jet lag ha presentato il conto e io non sono piu’ un giovincello…

Continua a leggere »